BACOLI: PREMIATI I VINCITORI DELLE PICCOLE OLIMPIADI DEL PATRIMONIO

Premiati i vincitori della terza edizione delle “Piccole Olimpiadi del Patrimonio” della città di Bacoli. La manifestazione, riservata agli studenti delle classi quarte e quinte della scuola primaria e agli studenti delle classi prime e seconde della scuola media, è stata realizzata con l’ obiettivo di accrescere nei ragazzi la conoscenza per il patrimonio archeologico, storico-artistico, naturalistico gastronomico, agricolo, folkloristico, culturale della città e la consapevolezza dell’importanza della loro tutela e valorizzazione. Alla cerimonia di premiazione hanno partecipato il Sindaco di Bacoli Ermanno Schiano, l’Assessore all’Istruzione Flavia Guardascione e la direttrice del Museo archeologico dei Campi Flegrei Paola Miniero.

«Il futuro della nostra città è nella capacità di sviluppare le nostre risorse, il nostro patrimonio culturale e i nostri talenti che sono rappresentati dai tanti giovani coinvolti in queste ed altre iniziative formative» spiega il Sindaco di Bacoli Ermanno Schiano.

Gli alunni hanno realizzato lavori con le seguenti modalità: elaborati testuali concernenti il patrimonio archeologico, storico-artistico, naturalistico, culturale, gastronomico, agricolo, folkloristico della città di Bacoli, realizzati con metodo di ricerca analitico e con il supporto di nuovi linguaggi informatici e multimediali; elaborati frutto di un lavoro di ricerca e documentazione che attesti un percorso di lettura approfondita  del proprio territorio, mediante il coinvolgimento diretto degli studenti (ricerca in biblioteca, archivi, interviste, documentazioni fotografiche e video) coordinati dagli insegnanti; elaborati frutto di lavoro di gruppo di alunni, che risponda alla metodologia della ricerca-azione con altro contenuto analitico sull’argomento in oggetto e utilizzando supporti e percorsi multimediali (e-book, PowerPoint, filmati, siti web).

«Dopo tre anni dalla nascita di questo concorso possiamo affermare di avere raggiunto l’obiettivo di accrescere nei ragazzi del territorio la sensibilità, l’amore e la conoscenza per il nostro patrimonio culturale » conclude l’Assessore alla Pubblica Istruzione Flavia Guardascione.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.