Italia Nord Est

Artificieri in cattedra per illustrare i pericoli derivanti dall’uso dei fuochi


Partito l’importante progetto di Legalità a favore degli studenti è stata posta in tra la Dott.ssa Luisa Franzese ed il Generale di Brigata Antonio Raffaele, rispettivamente Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale della Campania e vertice del Comando Militare Esercito “Campania”.

Oggi  gli artificieri sono stati in visita all’Istituto Comprensivo 88 “Eduardo De Filippo” di Ponticelli. L’iniziativa ha ricevuto il plauso del Preside il Prof. Gennaro Serpi. Presenti anche Salvatore Palandra Presidente del Consiglio d’Istituto e Anna Ferrara referente alla legalità del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris. Ha moderato il Tenente Colonnello Antonio Grilletto dell’Ufficio Stampa dell’Esercito Italiano in Campania che fa capo al Col. Antonio del Monaco.

Il team è coordinato dal Cap. Pietro Conte, dal Cap. Gaetano Acunzo e dal Maresciallo Nicola Agresta, Serg. Francesco Carfora e il Serg. Gianluca Prestigiacomo.

In particolare un team di artificieri del 21° reggimento genio guastatori, unità della Brigata Bersaglieri “Garibaldi” di Caserta, che visiterà diverse scuole della provincia per illustrare ai giovani studenti, i pericoli derivanti dall’uso incauto o improprio dei fuochi artificiali. L’argomento torna prepotentemente alla ribalta in vista delle imminenti festività natalizie. È infatti sempre opportuno sensibilizzare, in particolar modo i più giovani, sui rischi, anche gravissimi, che si corrono nel maneggiare con superficialità  gli artifizi pirotecnici o, peggio ancora, nell’impiegare fuochi illegali che non offrono alcuna garanzia e sono assimilabili a veri e propri “ordigni esplosivi”. L’iniziativa rientra nel “Progetto Legalità” fortemente voluto tra l’Ufficio Scolastico Regionale della Campania e l’Esercito Italiano. Gli artificieri del 21° guastatori hanno maturato e continuano a sviluppare nuove esperienze di bonifica operativa nelle missioni fuori dal territorio nazionale e operano anche per la bonifica del territorio nazionale da ordigni residuati bellici, effettuando circa 250 interventi all’anno in una vasta porzione di territorio che abbraccia la regione Campania e le province di Isernia e Latina. Personale, dunque, di altissima professionalità ed esperienza che può dare ai più giovani quei buoni consigli che devono essere di monito per evitare di rimanere vittime di incidenti.

Parlando ai ragazzi, il messaggio più ricorrente è quello che bisogna perseguire la sicurezza attraverso la precisa ed intransigente applicazione delle procedure e delle regole; nella fattispecie, ciò si traduce nel rifiutare i fuochi illegali e nel seguire con scrupoli le indicazioni per l’uso che sono riportate all’esterno di tutte le confezioni di quelle legali e per la categoria consentita dalla legge.


Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.