Arte, Spettacoli

Arti contemporanee a LE ROSE DEL PARNASO


Dopo lo straordinario successo del 23 luglio con Ode marittima di Pessoa, prosegue al MAXXI (Museo nazionale delle arti del XXI secolo) la manifestazione LE ROSE DEL PARNASO-kermesse poetica delle arti contemporanee di Irma Immacolata Palazzo da un’idea di Cosimo Cinieri, nell’ambito di PLAY with YAP, il programma di eventi estivi organizzato in occasione di YAP MAXXI 2014 (Young Architects Program). Il progetto coinvolge tutte le Arti: teatro, musica, danza, canto, audiovideo, pittura, fotografia. L’obiettivo principe della manifestazione è quello di declinare nelle sue varie forme la Poesia, con l’intento di abbattere ogni confine tra poesia alta e poesia popolare, ricordando che tra le due c’è stato un continuo interagire, fin dai tempi di Dante.

 

Il 17 settembre è dedicato al Mediterraneo. Dalle 17 alle 20, al MAXXI 21, Conferenza-dibattito sul tema Mediterraneo a cura di Gëzim Hajdari con i poeti Alexandra Petrova, Anna Belozorovitch, Mia Lecomte, Latif Al Saadi, Helene Paraskeva, Sarah Zuhra Lukanic, Livia Bazu. Alle 21 Cosimo Cinieri in ODISSEA MEDITERRANEA-rapsodia in 10 movimenti, viaggio raccontato con i versi dei più grandi poeti delle 21 nazioni che abbracciano il Mare Nostrum, centro del mondo fino al 1492 con la scoperta delle Americhe. Dai confini naturali e non statali –arriva fin dove cresce l’ulivo, fin dove arriva il profumo del fico-. Plurimo: tre continenti vi si affacciano: Europa, Asia e Africa. Qui sono nate le tre grandi religioni monoteiste. Policulturale per eccellenza. Il Mediterraneo è mille cose insieme. I suoi paesi in comune hanno forse il battito del cuore del mare, la sua musica. I temi narrati nello spettacolo vanno dalla paura del mare alla seduzione d’amore, dal pensiero meridiano all’esilio. Navigheremo con l’Ulisse dantesco, visiteremo mitiche città. Isole. Rivivremo l’odissea infernale dei migranti e infine metteremo in atto la grande utopia: sognare un futuro meticcio ballando la pizzica, sound di tutto il mondo Mediterraneo. Con Maurizio Trippitelli (vibrafono e percussioni), Fabio Giovannoli (percussioni), Sasà Mendoza (fisarmonica e tastiere elettroniche), Clara Galante (canto) e Salua (danza del ventre, della spada, ali di Iside). Musiche originali: Maurizio Trippitelli. Drammaturgia e regia di Irma Immacolata Palazzo.

 

Infine, il 27 settembre, l’approdo alla ‘spiaggia’.

Dalle 17 alle 20 VIVA, Una rivista in carne e ossa-Numero speciale incontra il pubblico sul tema Tra poesia colta e poesia popolare: lingua, dialetto, canzone, readings, video, internet, interventi, performance, dibattiti- Con: Daniela Attanasio, Daniele Bollea, Carlo Bordini, Silvia Bre, Nicola Bultrini, Maria Grazia Calandrone, Daniele Campanari, Andrea Caterini, Alessandro De Santis, Dolce e D’Orazio, Francesco Dalessandro, Claudio Damiani, Simone Di Biasio, Angelo Gallo, Valerio Grutt, Serena Maffia, Vincenzo Mascolo, Alessandra Mattei, Daniele Mencarelli, Renzo Paris, Elio Pecora, Plinio Perilli, Vanni Pierini, Poeti der Trullo, Gabriella Sica, Luigia Sorrentino, Ornella Spagnulo. Redazione: Nicola Bultrini, Claudio Damiani, Giuseppe Salvatori.

H.20,45 Roma Rimanerai Eterna Dentro Me slideshow con le immagini di cinquanta tra autori e fotografi di strada sui luoghi della poesia (la poesia nei luoghi) a cura di Nole Biz.

H.21 PRIMA NAZIONALE: CANZONE da Petrarca al rap di Palazzo-Panella. Con Cosimo Cinieri, Pasquale Panella, Andrea Bianchi, pianoforte e arrangiamenti, Gianni De Feo e gli Allievi della Scuola di Teatro FONDAMENTA diGiancarlo Sammartano.E con la partecipazione straordinaria di LaDyvina, Burlesquer. Guest star: Loop Loona, Rapper. Serata sfrangiata, magmatica. Protagonista il ritmo: onomatopee, balbettii, neologismi, pura fonicità. Magia verbale: poeti giocosi, giocolieri: Lorca, Swift, Ginsberg, Rimbaud, Eliot, Palazzeschi e tanti altri. Non si vuole ‘mettere in scena’ la poesia, bensì il pericolo, il gioco di equilibrio sulle parole, il ritmo. Ecco la sfida, e la parola diventa corpo su cui tentare un’armonia altra. La voce dell’attore non è mezzo di comunicazione, ma strumento emozionale. Spaziando tra i toni, le velocità, i rallentamenti, le pause, lo ‘scavamento’ di ogni parola, gli scatti repentini, le profondità o le vorticose altezze di tono, l’attore diventa il detonatore emozionale di ogni spettatore. Mette in moto le emozioni individuali di chi l’ascolta e lo vede, scava, nel profondo di ognuno, sentimenti nascosti ma latenti, radicati ma raramente espressi. Pasquale, una sorta Ermes, un demiurgo tra il mondo sensibile e quello dell’anima, ci guiderà con ironia e allegra baldanza nei passaggi tra una canzone e un madrigale, un limerik e un rap. Regia: Irma Immacolata Palazzo Scene: Fabiana Di Marco, costumi: Gian Maria Sposito, foto di scena: Daniele Lanci, riprese: Scenario Studios.

Il progetto LE ROSE DEL PARNASO è prodotto dall’Associazione Culturale Vagabonda Blu e sostenuto dallaFondazione MAXXI, dalla Regione Lazio e dalla Fondazione Roma Arte-Musei.

 

Gli spettacoli sono a ingresso libero fino a esaurimento posti.


Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.