Turismo

Al via tre nuovi itinerari del Gran Tour


Tre nuovi itinerari del Grand Tour si aggiungono il 9 maggio a quelli di Napoli e dell’area vesuviana, inaugurati a Pasqua e che stanno avendo uno straordinario successo, registrando spesso il tutto esaurito.  A partire da domani iniziano i tre itinerari“Campi Flegrei, la terra dei vulcani”, “Dal Partenio al Vesuvio” e “Capua e l’antica via Appia.

 “Viaggio in Campania. Sulle orme del Grand Tour” è un progetto della Regione Campania Assessorato al Turismo e Beni Culturali, realizzato dalla Scabec, che mette a sistema, in 9 itinerari tematici, oltre 200 tra musei, chiese, parchi archeologici e naturalistici, arricchendo le visite ai siti con performance teatrali, musica e degustazioni.  Si puo’ partecipare al programma Grand Tour con la speciale carta turistica Campania>Artecard Grand Tour, in vendita nei principali musei e on line.

I tre nuovi itinerari propongono ciascuno un programma articolato in percorsi ed eventi.

“CAMPI FLEGREI, LA TERRA DEI VULCANI” ripercorre la costa a nord della città di Napoli, tra fumarole e acqua termali per scoprire i miti, la storia e la natura di questa antica terra. Cinque i percorsi disponibili: “Grotte e ville a mare” parte dalla tomba del poeta Virgilio a Piedigrotta e si conclude, attraverso la grotta di Seiano, al parco archeologico di Pausilypon. Tra gli eventi speciali del percorso ci sarà sabato 10 maggio alle 9,30 (si parte alle 9.30 con bus dedicato da napoli)  la performance teatrale “Il cubo d’oro” presso la Mostra d’Oltremare, con Orazio Cerino e Luca Iervolino. “

 

La terra ardente tra archeologia e geologia” con la visita al Vulcano della  Solfatara e all’Anfiteatro Flavio fino a giungere al Macellum .“Lidi baiani” che prevede la visita al Parco Archeologico di Baia e il Museo Archeologico dei Campi Flegrei.“Cuma e il Fusaro tra architettura e archeologia” con la Casina Vanvitelliana del Fusaro e il Parco Archeologico di Cuma.Infine “La grande passeggiata” con la vista di Casale, la Necropoli di Cappella e la strada del “mercato del Sabato” dove domenica 11 maggio alle 11  seguirà l’incursione teatrale                  “Il parco” e a conclusione la degustazione di prodotti tipici locali presso l’antico Acquedotto di Monte di Procida (bus dedicato da Napoli alle ore 11).

“DAL PARTENIO AL VESUVIO” è un viaggio alla scoperta del territorio a nordest del Vesuvio. I percorsi disponibili al suo interno sono: “Passeggiate archeologiche nell’Ager Nolanus” con la visita del Castello Mediceo di Ottaviano, il Museo Archeologico di Nola e la visita alle Basiliche paleocristiane di Cimitile. “Sulle tracce dell’Antica Avella” che prevede un viaggio all’Anfiteatro e le Tombe, il Castello Normanno, il Palazzo Baronale e la visita all’ Antiquarium. Presso l’Anfiteatro di Avella si terrà domenica 18 e sabato 24 maggio alle 10 la visita spettacolo “Sangue e arena” con Enzo Musicò che racconterà il mondo estremo dei gladiatori. (bus dedicato alle ore 10 da Napoli)  “Lumina in castro: residenze antiche nel Vallo di Lauro” è un percorso che parte dal Castello Lancellotti di Lauro, prosegue con la Villa romana di San Giovanni in Palco e si conclude con la visita alla chiesa di San Giovanni in Palco.

Il terzo itinerario “CAPUA E L’ANTICA VIA APPIA” vi permetterà di scoprire la Terra di Lavoro, cuore della Campania felix.  I percorsi disponibili al suo interno sono: “Sulle tracce di Capua Antica” che inizia dall’Anfiteatro Campano, prosegue con il Museo Archeologico dell’Antica Calatia e si conclude con la visita al Mitreo Santa Maria Capua Vetere dedicato al culto del dio persiano Mitra. Presso l’Anfiteatro Campano domenica 25 maggio alle 10 . (bus dedicato alle ore 10 da Napoli)  si terrà lavisita spettacolo “Sangue e arena”. “Archeologia e paesaggi nell’Ager Campanus” è il percorso che prende il via dal centro storico di Capua, prosegue con il Museo Archeologico Provinciale Campano, l’Abbazia di Sant’Angelo in Formis, il Museo Archeologico dell’Antica Calatia e il Museo Civico Archeologico Biagio Greco.  Il percorso, giovedì 29 maggio, si concluderà con una degustazione di prodotti tipici della zona: mozzarella di bufala, ricotta di bufala,  salumi, vino locale.


Rispondi