Al Giro d’Italia in Veneto Polstrada e RCS danno messaggio forte di fiducia

Nel 2018 la Polizia Stradale ha effettuato 4 trasporti a supporto di trapianti incrociati di rene da donatore vivente (i cosiddetti "cross-over"): di questi, ben 3 hanno coinvolto strutture della Regione Veneto, ovvero gli ospedali di Padova e Vicenza.

Dal 2016 la Polizia di Stato supporta il Centro Nazionale Trapianti per il trasporto di organi e tessuti in condizioni di estrema urgenza: tale sinergia è stata formalizzata lo scorso mese di febbraio con la sottoscrizione del protocollo d’intesa. L’attività operativa della Polizia scatta quando la diversa dislocazione delle strutture sanitarie interessate e la particolarità dei trapianti da eseguire rischierebbero di compromettere il buon esito dell’intervento.

Oggi, a Valdobbiadene alla partenza del Giro “E” per bici elettriche, e successivamente a Treviso alla partenza del Giro professionisti, era presente il Centro Regionale Trapianti, con il suo Responsabile dottor Giuseppe Feltrin, e con il supporto del personale medico del Coordinamento Regionale per i Trapianti del Veneto e dei volontari AIDO.

“Con questa iniziativa, in cui fanno squadra la Polizia Stradale, Rcs, il Centro Nazionale e il Centro Regionale Trapianti del Veneto, lo sport e la sanità lanciano un messaggio fortissimo di speranza e fiducia. Potrebbe trattarsi di una bella squadra a cronometro, dato che con la Lamborghini della Stradale si rubano anche i minuti per portare organi donati a chi li deve ricevere”.

Lo ha detto il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, questa mattina a Treviso dove, tra le iniziative di contorno del Giro d’Italia, è presente un corner nel quale tutti gli appassionati possono registrare la loro volontà sulla donazione degli organi e conoscere da vicino la sinergia che lega la Rete trapiantologica  e la Polizia stradale.

Nell’occasione, il Governatore ha incontrato il Capo della Polizia Gabrielli, presente al Giro d’Italia.

Protagonista dello spazio espositivo è stata la Lamborghini Huracàn della Polstrada: un’auto capace di raggiungere i 325 km orari, provvista delle più avanzate dotazioni tecnologiche e attrezzata nel cofano anteriore con un frigobox appositamente adibito al trasporto degli organi.

Nel 2018 la Polizia Stradale ha effettuato 4 trasporti a supporto di trapianti incrociati di rene da donatore vivente (i cosiddetti “cross-over”): di questi, ben 3 hanno coinvolto strutture della Regione Veneto, ovvero gli ospedali di Padova e Vicenza.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.