Addio all’inutile Google+

Già dal 4 febbraio non è più possibile creare nuovi profili, pagine, community o eventi. Entro il 7 marzo verrà poi disabilitata la possibilità di lasciare commenti sul proprio sito o su altri siti. Per la stessa data verranno disabilitate tutte le API per gli sviluppatori. Gradualmente la società procederà poi a smantellare tutti i singoli tasselli che compongono il servizio di messaggistica.

Google ha annunciato la chiusura, ad aprile, della versione consumer di Google+. Il motivo principale, per stessa ammissione dell’azienda è lo scarso utilizzo da parte degli utenti.

L’azienda ha definito una precisa roadmap che prevede un avvicinamento per gradi alla chiusura definitiva. Proprio per questo Google sta avvertendo tutti gli utenti ricordando che verranno cancellate tutte le foto e i video negli archivi album e nelle pagine. Consiglia quindi di scaricare e salvare i proprio contenuti entro l’inizio di aprile. Da precisare però che le foto e i video di cui è stato effettuato il backup in Google Foto non verranno eliminati.

Il primo step prevede che dal 4 febbraio non sia più possibile creare nuovi profili, pagine, community o eventi. Entro il 7 marzo verrà poi disabilitata la possibilità di lasciare commenti sul proprio sito o su altri siti. Per la stessa data verranno disabilitate tutte le API per gli sviluppatori. Gradualmente la società procederà poi a smantellare tutti i singoli tasselli che compongono il servizio di messaggistica.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.