Acqua, energia e demografia a convegno

Il Centro Ricerche di Psicologia Politica e Geopolitica dell’Università Europea di Roma (CRIPPEG) insieme al Pontificio Istituto Notre Dame di Gerusalemme e all’Università Ebraica di Gerusalemme comunicano la conclusione dei lavori del convegno su acqua, energia e demografia dal tema: TRASFORMAZIONI SOCIALI E CULTURALI, RISORSE NATURALI E BIOTECNOLOGIE

Padre Pizzaballa, Custode di Terrasanta, ha aperto il dibattito dichiarando che “la ricerca scientifica deve essere orientata al servizio della diffusione dei beni comuni come  l’acqua e l’energia e che tale ricerca non possa essere svincolata dal messaggio dell’enciclica pontificia Laudato sì che indica come unica soluzione per risolvere i conflitti internazionali la socializzazione di questi fondamentali beni creati per il bene e il servizio dell’uomo”.

Il professor Sorbi, Università Europea di Roma, ha sottolineato come “tali interventi che premono per la loro urgenza sono di dimensioni colossali. Riguardano, come dice Papa Francesco nella sua Enciclica, Laudato sì, le dinamiche dei beni comuni. Questi inteventi non possono che unire in azioni pubbliche governi e grandi azienede multinazionali dell’agroalimentare e di forniture internazionali di risorse idriche. Questo è l’attuale livello del ‘realismo’ culturale e politico se comprendiamo l’urgenza dell’appello dei poveri che ci sta raggiungendo come vero urlo di pace e giustizia”.

Toccando il tema demografico il professor Della Pergola dell’Università Ebraica di Gerusalemme, ha fatto notare come “fin dalla sua indipendenza, lo Stato di Israele è stato caratterizzato da una straordinaria crescita demografica – un moltiplicatore di circa dieci volte la sua popolazione iniziale. Ciò è in gran parte avvenuto attraverso l’immigrazione intensa e piuttosto eterogenea di ebrei da un gran numero di paesi di tutto il mondo, a sua volta caratterizzata da una vasta gamma di sviluppo e di modernizzazione.

Il professor Mezza che ha toccato gli intrecci tra le problematiche dell’acqua e dell’energia con le nuove tecnologie si è focalizzato sugli aspetti tecnici e la governance dell’acqua. “L’Ottimizzazione e l’efficienza dipendono anche dall’uso di gestione della logistica e dal controllo dei flussi delle tecnologie e delle metodologie di assistenza nei processi decisionali. Gli Operatori e i decisori usano molto raramente queste tecnologie che possono portare a ritorni economici molto elevati, oltre a migliorare l’efficienza delle reti idriche” ha chiarito il professore.

In conclusione dei lavori, Maria Medici, CRIPPEG, ha affermato come:” il principio della condivisione, alla luce delle tragedie che soprattutto il Sud del mondo sta vivendo, appare non più procastinabile”.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.