A Villa Rufolo torna l’Orchestra Sinfonica di Salerno “Claudio Abbado”

La più giovane realtà musicale salernitana, nata lo scorso anno per volontà di Giovanni Di Lisa, a Ravello sarà diretta dal trentenne maestro Ivan Antonio, suo direttore artistico e musicale. Ad essere eseguite, domenica 30 aprile (ore 17.30), saranno due pagine molto amate nella Città della Musica: la Suite No. 1, Op. 46 del “Peer Gynt” di Edvard Grieg, con la quale solitamente viene chiuso il Concerto all’Alba, evento clou del cartellone estivo del Ravello Festival e la Sinfonia No.9 in Mi minore, Op. 95 “dal nuovo mondo” di Antonín Dvořák.

L’ensemble, con le sue molteplici iniziative, intende affermarsi come promotore di attività volte a favorire e sostenere la conservazione e la crescita del patrimonio artistico – musicale, attraverso borse di studio e politiche di attrazione per i giovani musicisti al fine di valorizzarne e qualificarne le competenze e favorire il collegamento tra formazione e lavoro. Composta da circa 60 giovani orchestrali, l’OSSCA – è questo il suo acronimo – si sta affermando come promettente realtà del panorama musicale campano.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.